Galliformi e Lepre bianca - Ivano Artuso-COMPRENSORIO ALPINO DI CACCIA VALLE BREMBANA

Galliformi e Lepre bianca - Ivano Artuso


ANNI DI PASSIONE, DI RICERCA, DI SACRIFICI (FISICI ED ECONOMICI) HANNO DATO VITA AL "PROGETTO GALLIFORMI" COMMISSIONATO DAL COMPRENSORIO ALPINO DI CACCIA VALLE BREMBANA CON L'AUSILIO DEI SOCI CACCIATORI SOTTO LA REGIA E IL COORDINAMENTO DEL DOTT. IVANO ARTUSO QUALE RESPONSABILE SCIENTIFICO E CURATORE DI QUEST'OPERA DAL TITOLO:

GALLIFORMI_00_COPERTINAa cura del Dott. IVANO ARTUSO

DIRITTI E AUTORIZZAZIONI
© Copyright: Comprensorio Alpino di Caccia Valle Brembana -BG- e Autori (2008).
Tutti i diritti sono riservati.
È vietata la riproduzione in qualsiasi forma se non dietro preventiva richiesta e successiva autorizzazione del Presidente del Comprensorio Alpino di Caccia Valle Brembana, nel qual caso, la fonte dei dati deve essere sempre citata.

ISSN 1723-5758
Supplemento della Rivista “Caccia in Val Brembana”, n° 33, 2008. Comprensorio Alpino di caccia Valle Brembana.

CITAZIONE DEL PRESENTE LIBRO
Si raccomanda la seguente citazione:
Artuso Ivano (a cura di), 2008 – I Galliformi alpini e la Lepre bianca della Valle Brembana (Bergamo).
Comprensorio Alpino di Caccia Valle Brembana (BG), pp. 1-528.

DISEGNI E DIPINTI
a colori > CLAUDIO MENAPACE; in bianco e nero > EMILIO RUDARI; foto > BALDOVINO MIDALI e ALTRI AUTORI

DEDICHE
IVANO ARTUSO

RECENSIONI
VALERIO BETTONI (Presidente della Provincia di Bergamo)
LUIGI PISONI (Assessore provinciale all'agricoltura, caccia e pesca)
ENRICO BONZI (Presidente del Comprensorio Alpino di Caccia Valle Brembana - conclusione del progetto)
PIERGIACOMO OBERTI (Presidente del Comprensorio Alpino di Caccia Valle Brembana - inizio del progetto)
IVANO TOSO (Direttore dell'Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica)
PIERO A. SUSMEL (Dipartimento di scienze animali Università degli Studi di Udine)
IVANO ARTUSO (Responsabile scientifico della ricerca e Curatore della presente opera)

RINGRAZIAMENTI A
PAOLO F. DE FRANCESCHI”, “CLAUDIO MENAPACE”, “EMILIO RUDARI”, “BALDOVINO MIDALI”, “ACHILLE ARIOLI” …

RECENSIONE PARTICOLARMENTE GRADITA, AMATA E GELOSAMENTE CUSTODITA
MARIO RIGONI STERN (Militare, Reduce di Russia, Scrittore, Cacciatore...) se vuoi saperne di più su questo "UOMO" "MAESTRO DI VITA" clicca sul titolo sottostante sottolineato in colore bianco

https://it.wikipedia.org/wiki/Mario_Rigoni_Stern
LIBRO_GALLIFORMI_00_Ivano_Artuso_e_Mario_Rigoni_Stern





LIBRO_GALLIFORMI_00_Mario_Rigoni_Stern_Alpino

Oggi la caccia per essere esercitata ha bisogno della conoscenza, anche perché in questi ultimi cinquant’anni è cambiato l’ambiente naturale.
Da noi è cambiata anche la condizione umana e se fino a non molti decenni fa la cacciagione era integrazione alla nostra alimentazione, ora non è più così.
L’ho provato l’altro giorno assaggiando della selvaggina avuta in dono da alcuni cacciatori che più volte all’anno vanno all’estero a caccia in riserve ben fornite.
Quella selvaggina, volatili che avrebbero dovuto essere di grande qualità, era stata conservata con nessuna cura e con altrettanta poca cura e passione cacciata. Allora perché cacciare? Se la caccia è prima di tutto passione, alla passione bisogna aggiungere la nostra intelligenza perché non diventi fatto in sé concluso, e basta.
Non è questione di possibilità economiche, di manifestazione venatoria, di vacanza e diletto con risultati da esternare. O nascondere?
Si va a caccia con abbondanza di denaro, per avere cacciagione abbondante da ostentare e poi male
congelare.
Meglio, molto meglio, allora, lasciarla libera di volare o correre nel suo ambiente.
Questo mi è venuto da pensare leggendo questo bel libro e guardando le immagini.
È stato scritto per amore a una valle delle nostre Alpi, con anni di studio e con osservazione attenta a quanto è stato conservato e che ancora esiste, a cosa si può fare perché rimanga, raccogliendo ogni tanto un qualcosa che ci dia profonda emozione in questa comunione con la natura che ci fa partecipi alla vita.
Asiago, 26 novembre 2007  

Mario Rigoni Stern 

LIBRO_GALLIFORMI_Mario_Riconi_Stern_Firma




 
LA RICERCA SUL LIBRO
"I GALLIFORMI ALPINI E LA LEPRE BIANCA DELLA VALLE BREMBANA (BERGAMO)"
Se vuoi visionare e/o scaricare (con le condizioni previste nel seguente "01 PRESENTAZIONE (da pag. 1 a 24) -8,7 MB-" clicca sui vari tioli sottostanti sottolineati in colore verde.
 


LIBRO_GALLIFORMI_01_Presentazione_da_pag_1_a_24.pdf -8,7 MB-
     - DIRITTI E AUTORIZZAZIONI
     - CITAZIONE DEL PRESENTE LIBRO
     - INDIRIZZI
     - COPERTINA
     - RETRO COPERTINA
     - IL “COMPRENSORIO ALPINO DI CACCIA VALLE BREMBANA” (BG ) HA FINANZIATO LA RICERCA E LA
       PUBBLICAZIONE DELLA PRESENTE OPERA. QUESTA OPERA NON HA FINI DI LUCRO
     - IL COMITATO DI GESTIONE (INIZIO PROGETTO - 1996)
     - IL COMITATO DI GESTIONE (LA CONCLUSIONE DEL PROGETTO - 2007)
     - IVANO ARTUSO: DEDICHE
     - RECENSIONE DI VALERIO BETTONI (PRESIDENTE DELLA PROVINCIA) E LUIGI PISONI
      (ASSESSORE PROVINCIALE ALL’AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA)
     - RECENSIONE DI ENRICO BONZI (PRESIDENTE DEL COMPRENSORIO ALPINO DI CACCIA VALLE
       BREMBANA - CONCLUSIONE DEL PROGETTO)
     - RECENSIONE DI PIERGIACOMO OBERTI (PRESIDENTE DEL COMPRENSORIO ALPINO DI CACCIA
       VALLE BREMBANA - INIZIO DEL PROGETTO)
     - RECENSIONE DI IVANO TOSO (DIRETTORE DELL’ISTITUTO NAZIONALE PER LA FAUNA SELVATICA)
     - RECENSIONE DI PIERO A. SUSMEL (DIPARTIMENTO DI SCIENZE ANIMALI UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI UDINE)
     - RECENSIONE DI IVANO ARTUSO (RESPONSABILE SCIENTIFICO DELLA RICERCA E
       CURATORE DELLA PRESENTE OPERA)
     - RECENSIONE DI MARIO RIGONI STERN (https://it.wikipedia.org/wiki/Mario_Rigoni_Stern)
     - RINGRAZIAMENTI A “PAOLO F. DE FRANCESCHI”, “CLAUDIO MENAPACE”, “EMILIO RUDARI”,
       “BALDOVINO MIDALI”, “ACHILLE ARIOLI” …

LIBRO_GALLIFORMI_02__Indice_da_pag_25_a_30.pdf -379 KB-

LIBRO_GALLIFORMI_03_Riassunto-Abstract_da_pag_31_a_36.pdf -9,5 MB-

03 RIASSUNTO (da pag 31 a 36) -108,5 MB-

     - IL “PROGETTO”: INDAGINE E RICERCA, CONSAPEVOLEZZA E CRESCITA CULTURALE VENATORI, GESTIONE E 
       CONSERVAZIONE 
     
          - 1. LA RICERCA: GLI UOMINI E LE RESPONSABILITA'
          - 2. LA RICERCA: SPECIE, OBIETTIVI, PERIODO E DURATA
          - 3. I GALLIFORMI ALPINI
                    - 3.1 PREMESSA
                    - 3.2 CLASSIFICAZIONE SISTEMATICA
                    - 3.3 PRINCIPALI CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE
                         - A) TETRAONIDI
                         - B) FASIANIDI (COTURNICE)
                    - 3.4 CICLO BIOLOGICO/ECOLOGIA
                    - 3.5 HABITAT
                    - 3.6 ALIMENTAZIONE
                    - 3.7 MALATTIE
                    - 3.8 PREDATORI
                    - 3.9 DISTRIBUZIONE
                    - 3.10 CONSISTENZA
                    - 3.11 FLUTTUAZIONI/REGRESSIONE
                    - 3.12 INDICI DI POPOLAZIONE
                    - 3.13 GESTIONE FAUNISTICA
                    - 3.14 CENSIMENTI
                    - 3.15 PRELIEVO VENATORIO
                    - 3.16 GESTIONE AMBIENTALE E ANTROPICA
                    - 3.17 CONSIDERAZIONI SULLA TIPICA FAUNA ALPINA “MINORE”: I GALLIFORMI ALPINI
          - 4. INQUADRAMENTO DEL COMPRENSORIO
                    - 4.1 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO
                    - 4.2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO
                    - 4.3 INQUADRAMENTO PEDOLOGICO
                    - 4.4 INQUADRAMENTO IDROGRAFICO
                    - 4.5 INQUADRAMENTO CLIMATICO
                         - A) TEMPERATURA
                         - B) PRECIPITAZIONI
                         - C) COPERTURA NEVOSA
                    - 4.6 INQUADRAMENTO VEGETAZIONALE
                         - 4.6.1 INFLUENZA ANTROPICA SUL PATRIMONIO VEGETALE NEL CORSO DEI SECOLI
                         - 4.6.2 IL PATRIMONIO VEGETALE
                    - 4.7 INQUADRAMENTO AGRICOLO
                    - 4.8 INQUADRAMENTO FAUNISTICO (ZONA PREALPINA E ALPINA) (Tosi G. et al., in A.A.V.V. 1993)
                         - A) LA FAUNA NELLA STORIA ANTICA (DAL QUATERNARIO AL SECOLO XVII,
                                CIOE’ DA 2 MILIONI DI ANNI FA AL 1600)
                         - B) LA FAUNA NELLA STORIA PIU’ RECENTE (DAL XVIII AL XX SECOLO, CIOE’ DAL 1700 AL 1900)
                    - 4.9 INQUADRAMENTO VENATORIO
                         - 4.9.1 RIFERIMENTI LEGISLATIVI E NORMATIVI
                         - 4.9.2 GESTIONE VENATORIA
                              - 4.9.2.1 SPECIALIZZAZIONI VENATORIE E NUMERO DI CACCIATORI
                              - 4.9.2.2 CACCIATORI/RILEVATORI
                              - 4.9.2.3 REGOLAMENTO INTERNO PER LA CACCIA ALL’AVIFAUNA TIPICA ALPINA
                              - 4.9.2.4 ISTITUTI TERRITORIALI E AMBITI PROTETTI
                              - 4.9.2.5 SETTORI (O UNITA’ DI GESTIONE FAUNISTICA)
                              - 4.9.2.6 RIPOPOLAMENTI
          - 5. MATERIALI E METODI
                    - 5.1 TERRITORIO INDAGATO - SUPERFICI - AREE CAMPIONE
                    - 5.2 ELENCO MATERIALI E DOCUMENTI PRODOTTI APPOSITAMENTE PER LA RICERCA
                         - 5.2.1 CENSIMENTI
                         - 5.2.2 ABBATTIMENTI/RACCOLTA DATI BIOMETRICI
                         - 5.2.3 VARIE
                         - 5.2.4 ANALISI ALIMENTARE, PARASSITOLOGICA, GENETICA E AMBIENTALE
                    - 5.3 SCHEDE CENSIMENTI, AVVISTAMENTI CASUALI E ABBATTIMENTI (1995-2007)
                    - 5.4 OSSERVAZIONI/RILEVAZIONI (1995-2007)
                    - 5.5 RILEVATORI
                    - 5.6 PERIODO
          - 6. ANALISI DELLO “STATUS” DELLE POPOLAZIONI DI FAGIANO DI MONTE E COTURNICE
                 IN VAL BREMBANA 1995– 2007 -13 ANNI-
                    - 6.1 CENSIMENTI PRIMAVERILI ED ESTIVI
                         - 6.1.1 MATERIALI E METODI
                         - 6.1.2 DISTRIBUZIONE DEI CENSIMENTI DI GALLO FORCELLO E DI COTURNICE (1997 – 2002)
                    - 6.2 FAGIANO DI MONTE
                         - 6.2.1 CENSIMENTI FORCELLO 1995 – 2007
                         - 6.2.2 FORCELLO - ULTERIORI PARAMETRI (ANALISI E CONSIDERAZIONI)
                              - 6.2.2.1 CENSIMENTI PRIMAVERILI
                              - 6.2.2.2 CENSIMENTI ESTIVI
                    - 6.3 COTURNICE
                         - 6.3.1 CENSIMENTI COTURNICE 1995–2007
                         - 6.3.2 COTURNICE - ULTERIORI PARAMETRI (ANALISI E CONSIDERAZIONI)
                              - 6.3.2.1 CENSIMENTI PRIMAVERILI
                              - 6.3.2.2 CENSIMENTI ESTIVI
                    - 6.4 FAGIANO DI MONTE E COTURNICE – DENSITA’ ESTIVA (VARI PARAMETRI) 1997 - 2006
                    - 6.5 FAGIANO DI MONTE E COTURNICE - RELAZIONE CON I DATI CLIMATICI (1997 - 1998)
                    - 6.6 DIFFUSIONE E VOCAZIONALITA’ – STIMA DELLA POPOLAZIONE
                         - 6.6.1 DIFFUSIONE E VOCAZIONALITA
                              - A) “AREA DI PRESENZA EFFETTIVA”
                              - B) “AREA DI DISTRIBUZIONE”
                             - C) “AREA VOCATA"
                         - 6.6.2 STIMA DELLA POPOLAZIONE TOTALE
                              - A) FAGIANO DI MONTE
                              - B) COTURNICE
                    - 6.7 ANALISI DEI RISULTATI
                         - 6.7.1 FAGIANO DI MONTE
                         - 6.7.2 COTURNICE
                    - 6.8 CONCLUSIONI
          - 7. INDAGINE BIBLIOGRAFICA SULLA “TIPICA ALPINA” CON RIFERIMENTI ALLA PROVINCI
                 DI BERGAMO E/O ALLA VAL BREMBANA
                    - 7.1 “INDAGINE SU FORCELLO, COTURNICE E CAMOSCIO 1978-1979“ (INDAGINE PER IL
                             PIANO COMPRENSORIALE DELLA VAL BREMBANA: LAZZARONI M., com. pers.)
                    - 7.2 “CARTA DELLE VOCAZIONI FAUNISTICHE DELLA REGIONE LOMBARDIA - 1979” (AA.VV., 1984)
                    - 7.3 “INDAGINE FAUNISTICA SULLA CONSISTENZA, DINAMICA DI POPOLAZIONE E
                             GESTIONE VENATORIA DEL GALLO FORCELLO (TETRAO TETRIX) SULLE ALPI
                             LOMBARDE ” (REGIONE LOMBARDIA, SETTORE AGRICOLTURA E FORESTE, 1989;
                             A CURA DI SCHERINI G., TOSI G., GUIDALI F., FERRARIO G.)
                    - 7.4 “ATLANTE DEGLI UCCELLI NIDIFICANTI IN LOMBARDIA 1983-1987” (BRICCHETTI
                             P. E FASOLA M., RED. 1990)
                    - 7.5 “ATLANTE DEGLI UCCELLI SVERNANTI IN LOMBARDIA” (AA.VV., 1992)
                    - 7.6 “PROGETTO ALPE 1988-1992” (ARTUSO I., 1994 – “DISTRIBUZIONE SULLE ALPI
                             ITALIANE DEI TETRAONIDI TETRAONIDAE, DELLA COTURNICE ALECTORIS GRAEC
                             E DELLA LEPRE BIANCA LEPUS TIMIDUS”)
                                  a) A LIVELLO DI REGIONE LOMBARDIA:
                                  b) A LIVELLO DI PROVINCIA DI BERGAMO
                    - 7.7 “PIANO FAUNISTICO-VENATORIO (P.F.V.) E PIANO DI MIGLIORAMENTO AMBIENTALE
                             (P.M.A.) DELLA PROVINCIA DI BERGAMO” (PROVINCIA DI BERGAMO, 2000 E SUCC. MOD.;
                             A CURA DI SCHERINI G., TOSI G.)
                    - 7.8 “FORESTE E BIODIVERSITÀ FAUNISTICA IN LOMBARDIA. MONITORAGGIO E
                             CONSERVAZIONE DELLA FAUNA FORESTALE GALLIFORMI E MAMMIFERI)”
                             (REGIONE LOMBARDIA, 2.002 E 2003)
                    - 7.9 “LA PERNICE BIANCA IN LOMBARDIA. BIOLOGIA E GESTIONE FAUNISTICOVENATORIA”
                             (SCHERINI G. & TOSI G., 2003)
                    - 7.10 “L’AVIFAUNA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO: CHECK-LIST” (CAIRO E. ET AL., 2003)
                    - 7.11 “CARTA DELLE VOCAZIONI FAUNISTICHE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO 1999-2003”
                               (PROVINCIA DI BERGAMO, S.D.(2004))
                    - 7.12 “PIANO FAUNISTICO VENATORIO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO” (PROVINCIA DI BERGAMO,
                              2006; A CURA DI G. MORONI E G.B. VITALI)
          - 8. RECUPERO AMBIENTALE
                    - 8.1 MIGLIORAMENTI AMBIENTALI A FINI FAUNISTICI
                    - 8.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Genghini M., 2004; Provincia Autonoma di Trento, 2002)
                    - 8.3 RIPRISTINO AMBIENTALE NEL COMPRENSORIO
                    - 8.4 RESOCONTO DETTAGLIATO DI DUE RECUPERI AMBIENTALI “GLOBALI”
                         - 8.4.1 ALPEGGIO “ORTIGHERA”
                         - 8.4.2 ALPEGGIO “MUSCHIO ORTIGHERA” (“MOSS”)
                    - 8.5 SEMINA DI SPECIE ERBACEE ADATTE ALL’ALIMENTAZIONE DELLA COTURNICE
                    - 8.6 UTILIZZO DI MEZZI MECCANICI PER IL DECESPUGLIAMENTO
                    - 8.7 DISPOSITIVI VISIVI PER I CAVI SOSPESI
                    - 8.8 PROGRAMMA PLURIENNALE PER IL RECUPERO AMBIENTALE
          - 9. IL PRELIEVO VENATORIO 1982 – 2007 -26 anni-
                    - 9.1 PREMESSA
                    - 9.2 ABBATTIMENTI FORCELLO E COTURNICE (2007)
                    - 9.3 ABBATTIMENTI FORCELLO E COTURNICE (1994 - 2007)
                    - 9.4 ABBATTIMENTI FORCELLO E COTURNICE (1982 - 2007)
                         - 9.4.1 FORCELLO
                         - 9.4.2 COTURNICE
                         - 9.4.3 FORCELLO + COTURNICE
                    - 9.5 RAPPORTO GIOVANI/ADULTI NEI CAPI ABBATTUTI (1995 – 2007)
                    - 9.6 ABBATTIMENTI FORCELLO E COTURNICE – SETTORI (1997 - 2007)
                    - 9.7 DISTRIBUZIONE DEL PRELIEVO VENATORIO DI GALLO FORCELLO E DI COTURNICE (1999 – 2003)
                    - 9.8 ABBATTIMENTI FORCELLO, COTURNICE, PERNICE BIANCA E LEPRE BIANCA (1982 - 2007)
                    - 9.8.1 PERNICE BIANCA
                    - 9.8.2 LEPRE BIANCA
                    - 9.9 CORRELAZIONE ANDAMENTO ABBATTIMENTI DI QUATTRO SPECIE ALPINE:
                             FORCELLO, COTURNICE, PERNICE BIANCA E LEPRE BIANCA (1982-1992)
                    - 9.10 PRELIEVO VENATORIO GALLO CEDRONE E FRANCOLINO DI MONTE
                    - 9.11 CONCLUSIONI SUL PRELIEVO VENATORIO
                    - 9.12 ABBATTIMENTI VERSO LA METÀ DEL NOVECENTO (RICORDI DI CACCIA)
                    - 9.13 CALENDARI VENATORI DI FINE OTTOCENTO
                   - 9.14 COVATA DI 8 COTURNICI ANNEGA NEL LAGO MORO (EVENTO ECCEZIONALE)
          - 10. LA PERNICE BIANCA IN VAL BREMBANA 1984 – 2007 -24 ANNI-
                    - 10.1 CENSIMENTI – AVVISTAMENTI CASUALI – AREA DI DISTRIBUZIONE – CONSISTENZA –
                      SUCCESSO RIPRODUTTIVO – TREND (1995 - 2007)
                         - 10.1.1 CENSIMENTO ESTIVO (1995 - 2007)
                         - 10.1.2 ALCUNI AVVISTAMENTI CASUALI (1995 - 2007)
                         - RISULTATI
                         - 10.1.3 AREA DI DISTRIBUZIONE
                         - 10.1.4 CONSISTENZA, SUCCESSO RIPRODUTTIVO, TREND DELLA POPOLAZIONE
                    - 10.2 CENSIMENTO PRIMAVERILE ED ESTIVO – PIANO DI ABBATTIMENTO –
                            ABBATTIMENTI (1988 - 1995)
                    - 10.3 PRELIEVO VENATORIO (1984 – 1992)
                    - 10.4 CONCLUSIONI
          - 11. FRANCOLINO DI MONTE, GALLO CEDRONE E LEPRE BIANCA IN VAL BREMBANA
                    - 11.1 PREMESSA
                    - 11.2 ALCUNI AVVISTAMENTI CASUALI/SEGNALAZIONI (1995 - 2007)
                         - A. FRANCOLINO DI MONTE
                         - B. GALLO CEDRONE
                         - C. LEPRE BIANCA
                    -11.3 CONCLUSIONI
                         - A. FRANCOLINO DI MONTE
                         - B. GALLO CEDRONE
                         - C. LEPRE BIANCA
          - 12. ORIENTAMENTI GESTIONALI
                    - 12.1 PREMESSA
                    - 12.2 CENSIMENTO PRIMAVERILE ED ESTIVO
                    - 12.3 PIANO DI PRELIEVO
                    - 12.4 “CENTRO DI VERIFICA”
                    - 12.5 CARTOGRAFIA
                    - 12.6 COMMISSIONE AVIFAUNA TIPICA ALPINA
                    - 12.7 ELABORAZIONE ED ARCHIVIAZIONE DATI – PRESENTAZIONE DEI RISULTATI
                    - 12.8 GESTIONE CACCIATORI
                    - 12.9 RECUPERO E GESTIONE AMBIENTALE
                    - 12.10 RIPOPOLAMENTI
                    - 12.11 PREDAZIONE
                    - 12.12 AREE PROTETTE
                    - 12.13 IMPATTO ANTROPICO
                   - 12.14 FUTURO GESTIONALE


PARTE II (da pag 227 a 412) -87,8 MB-

     “LE ANALISI SPECIALISTICHE”: LA RICERCA “DA LABORATORIO”, SOFISTICATA ED APPROFONDITA, INTEGRA E
      COMPLETA I RISULTATI OTTENUTI CON I RILIEVI “SUL CAMPO” DI ALTA MONTAGNA
          - INTRODUZIONE
          - 1. EVOLUZIONE AMBIENTALE DEL COMPRENSORIO ALPINO DELLA VAL BREMBANA
                     - 1.1 INTRODUZIONE
                     - 1.2 MATERIALI E METODI
                     - 1.3 LAVORO EFFETTUATO SULLE FOTO AEREE
                     - 1.4 LAVORO EFFETTUATO SULLA CORINE-LAND COVER
                     - 1.5 EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DELLE POPOLAZIONI DEI GALLIFORMI IN FUNZIONE
                       ALLE DIVERSE TIPOLOGIE DI HABITAT
          - 2. IL COMPORTAMENTO ALIMENTARE
                    - 2.1 APPARATO DIGERENTE E PROCESSI DIGESTIVI
                         - 2.1.1 BECCO, CAVITÀ BOCCALE, LINGUA E GHIANDOLE SALIVARI
                         - 2.1.2 ESOFAGO E INGLUVIE
                         - 2.1.3 PROVENTRIGLIO E VENTRIGLIO
                         - 2.1.4 INTESTINO TENUE
                         - 2.1.5 INTESTINO CRASSO
                         - 2.1.6 CLOACA
                         - 2.1.7 RICIRCOLO DELL’AZOTO
                         - 2.1.8 DETOSSIFICAZIONE DEI POLIFENOLI
                    - 2.2 SINTESI BIBLIOGRAFICA SUL REGIME ALIMENTARE DEI TETRAONIDI
                         - 2.2.1 METODI DI STUDIO
                         - 2.2.2 PREFERENZE ALIMENTARI
                         - 2.2.3 VARIAZIONI STAGIONALI DEL REGIME ALIMENTARE
                         - 2.2.4 COMPORTAMENTO DELLA RICERCA ALIMENTARE
                    - 2.3 ANALISI DEL CONTENUTO ALIMENTARE DI INGLUVIE E VENTRIGLI DI GALLI FORCELLI
                             E COTURNICI NEL COMPRENSORIO ALPINO DELLA VAL BREMBANA
                         - 2.3.1 MATERIALI E METODI
                         - 2.3.2 ELABORAZIONE DEI DATI
                         - 2.3.3 COMPORTAMENTO ALIMENTARE DEL FAGIANO DI MONTE IN VAL BREMBANA
                         - 2.3.4 COMPORTAMENTO ALIMENTARE DELLA COTURNICE IN VAL BREMBANA
                         - 2.3.5 CONCLUSIONI
          - 3. DATI BIOMETRICI E STATO DI SALUTE DEL FAGIANO DI MONTE E DELLA COTURNICE IN VAL BREMBANA
                    - 3.1 IL PESO
                    - 3.2 GLI ALTRI PARAMETRI BIOMETRICI: LUNGHEZZA TOTALE, LUNGHEZZA DEL TARSO,
                             LUNGHEZZA E ALTEZZA DEL BECCO, STATO DI SALUTE
          - 4. ANALISI PARASSITOLOGICA
                    - 4.1 I PARASSITI DEI TETRAONIDI
                    - 4.2 PRESENZE PARASSITARIE
                    - 4.3 DISTRIBUZIONE DI FREQUENZA
                    - 4.4 DISTRIBUZIONE NEL TEMPO
                    - 4.5 DISTRIBUZIONE SUL TERRITORIO
                    - 4.6 CONSIDERAZIONI
                    - 4.7 EVOLUZIONE DELL’HABITAT E PRESENZA PARASSITARIA
          - 5. GLI ASPETTI GENETICI
                    - 5.1 MATERIALI E METODI
                    - 5.2 RISULTATI E CONCLUSIONI
                    - 5.2.1 ANALISI GENETICA PER IL FAGIANO DI MONTE
                    - 5.2.2 ANALISI GENETICA PER LA COTURNICE
          - 6. LO STATUS DEI GALLIFORMI IN VAL BREMBANA: IL SUCCESSO RIPRODUTTIVO
                    - 6.1 IL SUCCESSO RIPRODUTTIVO DEI GALLIFORMI IN VAL BREMBANA
                    - 6.2 IL SUCCESSO RIPRODUTTIVO IN RELAZIONE AL SETTORE
                    - 6.3 L’ANDAMENTO DEL SUCCESSO RIPRODUTTIVO DAL 1997 AL 2002
                    - 6.4 DISCUSSIONE E ANALISI STATISTICA
                    - 6.5 IL CONFRONTO CON LA GENETICA
                    - 6.6 IL SUCCESSO RIPRODUTTIVO IN RELAZIONE ALL’ALIMENTAZIONE E
                             ALLA PRESENZA DI PARASSITI
          - 7. DENSITA’ DEL FAGIANO DI MONTE E DELLA COTURNICE IN VAL BREMBANA
                    - 7.1 DENSITÀ DEL FAGIANO DI MONTE
                    - 7.2 DENSITA’ DELLA COTURNICE
          - 8. VOCAZIONALITA’ E INDICAZIONI GESTIONALI

- CONCLUSIONE PARTE I e PARTE II
 - BIBLIOGRAFIA GENERALE – CITATA DI RIFERIMENTO - PARTE 1 E PARTE II


PARTE III / 1 (da pag 413 a 425) -62,5 MB-

“IMMAGINI”: LA STORIA DEL PROGETTO ATTRAVERSO LE IMMAGINI
     - INTRODUZIONE
     - RIEPILOGO
     - A. RECUPERO AMBIENTALE


PARTE III / 2 (da pag 426 a 441) -108,3 MB-

          - A1. ALPEGGIO ORTIGHERA (1998) ... UN RECUPERO “GLOBALE” DELL’ALPE ...
          - A2 ALPEGGIO “MOSS” (MUSCHIO - ORTIGHERA, RECUPERATO DAL 1997) ...
            UN ALTRO RECUPERO “GLOBALE” DELL’ALPE ...
          - A3. POZZA “FOPPEI – ALBEN” (11. 07. 2004 E 26.08.2004) ...“L’ACQUA: FONTE DI VITA” ...
          - A4. CAVI SOSPESI ...IMPATTO MORTALE DEI GALLIFORMI ALPINI CONTRO I CAVI SOSPESI ...
     - B. CENSIMENTI ... LA “MAGIA” DELLA RICERCA E DELL’OSSERVAZIONE ...
          - B1. CENSIMENTI PRIMAVERILI
               - B1a. CENSIMENTI PRIMAVERILI ALLA COTURNICE COL CANE DA FERMA
                    - 1. MONTE ARETE (6.04.1997)
                   - 2. COSTA BACIAMORTI (25.04.1999)


PARTE III / 3 (da pag 442 a 457) -124,2 MB-

                    - 3. OASI VALGUSSERA SUD – TERRE ROSSE (6.05.2001)
                    - 4. MONTE ARETE (3.04.2005)
               - B1b. CENSIMENTI PRIMAVERILI ALLA COTURNICE COL RICHIAMO ACUSTICO
                    - 1. MATUIDA (26.04.1998)
                    - 2. MATUIDA (9.05.1999)
                    - 3. PIGOLOTE (23.05.1999)
 

PARTE III / 4 (da pag 458 a 473) -129,2 MB-

                    - 4. OASI VALGUSSERA NORD (10.05.1998)
                    - 4. OASI FONTANINI (25.04.1997)
               - B1c. CENSIMENTI PRIMAVERILI AL FORCELLO SULL’ARENA DI CANTO
                    - 1. MATUIDA (9.05.1999)
                    - 2. PIGOLOTE (23.05.1999)
                    - 3. MONTE BELLO (10.05.1998)
                    - 4. OASI VALGUSSERA (10.05.1998)
                    - 4. OASI VALGUSSERA (26.04.2000)
                    - 4. OASI VALGUSSERA (14.05.2000)
                    - 5. SAN SIMONE (21.04.2002 e 1.05.2002)


PARTE III / 5 (da pag 474 a 490) -168,7 MB-

                    - 5. SAN SIMONE (9.05.2004)
                    - 6. ZONA “CALVI” (maggio 1997)
                    - B1d. CENSIMENTO PRIMAVERILE AL FRANCOLINO DI MONTE
               - B2. CENSIMENTI ESTIVI ALLA COTURNICE E AL FORCELLO COL CANE DA FERMA
                    - 1. COSTA BACIAMORTI (8.09.1996) ... GLI ALBORI DEL PROGETTO ...
                          (PRIMO CENSIMENTO “CONDOTTO” DA IVANO ARTUSO IN VAL BREMBANA)
                    - 2. MONTE REGADUR (23.08.1997)
                    - 2. MONTE REGADUR (23.10.2005)
                    - 3. OASI MASONI (9.09.2000)


PARTE III / 6 (da pag 491 a 506) -120 MB-

                    - 4. OASI MINCUCCO (2.09.2000)
                    - 4. OASI MINCUCCO (1.09.2002)
                    - 4. OASI MINCUCCO (28.10.2001)
                    - 5. VAL VEDRA (4.09.1999)
                    - 6. ARERA (26.08.2001)
                    - 7. PASSO SALMURANO – VALLETTO (12.07.1999)
                    - 7. PASSO SALMURANO – VALLETTO (21.10.2002)
                    - 8. OASI VALGUSSERA (2006)

 

PARTE III / 7 (da pag 507 a 528) -76,5 MB-

                    - 9. VALPIANELLA (1998)
               - C. LE INDAGINI SPECIALISTICHE ... LO STUDIO SPECIALISTICO ...
               - D. CENTRI DI VERIFICA ... LA VERIFICA DI QUANTO PRELEVATO ...
                    - 1. COTURNICE
                    - 2. FORCELLO
               - E. LA GESTIONE CONSAPEVOLE ... LA CONSAPEVOLEZZA DEI RISULTATI E DELLA GESTIONE ...
               - F. LA CACCIA... “IERI E OGGI”... “L’EMOZIONE DEL FRULLO” ... “RICORDI”
 

IVANO ARTUSO:
RESPONSABILE SCIENTIFICO DEL “PROGETTO GALLIFORMI ALPINI E LEPRE BIANCA DELLA VAL BREMBANA” E CURATORE DELLA PRESENTE OPERA

      - 1. Ricerche faunistiche
      - 2. Organismi scientifici, tecnici e associazioni (attuali e passati)
      - 3. Formazione - Divulgazione
      - 4. Pubblicazioni
      - 5. Trasmissioni televisive e radiofoniche